Cambiare la politica, cambiare le emozioni

Perché un paese impoverito, in cui un gruppo di poche persone detiene la ricchezza del 60% del paese, accetta come elementi liberatori il razzismo, la caccia al diverso, riferimenti culturali vecchi e già sconfitti?
Pubblichiamo un articolo sulla comunicazione che riteniamo interessante e che è disponibile sul sito della rivista Internazionale.
Buona lettura

La Redazione

Internazionale.it

This entry was posted in Analisi, Blog, CGIL, Crisi, Fisac/CGIL Brindisi, Fisac/CGIL Nazionale, Notizie Stampa, Salute e Sicurezza. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *