Strappare lungo i bordi

Strappare lungo i bordi. La travolgente serie Netflix di Zerocalcare.

In sei episodi mozzafiato da venti minuti scarsi ciascuno, Michele Rech, giovane fumettista di successo meglio conosciuto come Zerocalcare, condivide alcune esperienze della sua vita.

Il titolo è una metafora della vita stessa. Da bambini facevamo un gioco: su un foglio vi erano figure che potevano facilmente staccare strappando lungo linee tratteggiate in parte pretagliate. La vita non è così semplice perché frequenti sono gli strappi e le cicatrici. Ad esempio, non è facile trovare un lavoro gratificante ed è quasi impossibile fare quello che si sogna da piccoli. Lo hanno scoperto anche Zero ed i suoi amici Sarah, Secco e Alice. 

Tra immagini e dialoghi incalzanti Zero butta fuori tutto il suo sentire. Perché così veloce? Forse perché è la vita stessa a scorrere veloce o forse perché certi ricordi, se raccontati lentamente, fanno male. 

Zero dialoga continuamente con la sua coscienza a cui, da grande artista qual è, da persino un volto. Viene voglia di confrontarsi con la propria. Chissà che sembianze avrebbe. 

Dopo un’ora e mezza vorrete solo riguardarlo tutto da capo per coglierne tutte le sfumature. Fatelo!

Dipartimento Comunicazione Fisac/CGIL Brindisi

This entry was posted in Blog, Recensioni, Recensioni Serie TV. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *