Il fascismo in due parole: è reato!

Il 16 ottobre CGIL, CISL e UIL sono scesi in piazza a Roma. Dopo i disordini del sabato precedente e l’assalto alla sede della CGIL da parte degli esponenti di Forza Nuova, i Sindacati hanno voluto gridare il proprio no al fascismo.  

Nonostante il timore di infiltrati, di nuove proteste di estremisti e no vax, tra Piazza San Giovanni ed altri luoghi della capitale alla fine si sono contati 100.000 manifestanti. 

Le misure di sicurezza hanno funzionato stavolta. Nessun politico è salito sul palco in virtù del silenzio elettorale prima dei ballottaggi.

Il messaggio è forte e chiaro: non possono esistere organizzazioni che si rifanno alle ideologie fasciste, non si può inneggiare al fascismo né tantomeno compiere atti di violenza in nome del fascismo. 

La manifestazione è riuscita quindi eppure c’è chi non vuole intendere. Esponenti del centro-destra, una su tutti Giorgia Meloni, hanno dichiarato che la lotta non va fatta contro il fascismo ma contro ogni forma di violenza e hanno posto sullo stesso piano i centri sociali e Forza Nuova. 

Nella speranza che chi non ha orecchi per sentire abbia almeno gli occhi per leggere, lo scriviamo in stampatello maiuscolo: È VIETATA LA RIORGANIZZAZIONE, SOTTO QUALSIASI FORMA, DEL DISCIOLTO PARTITO FASCISTA! È SCRITTO SULLA NOSTRA COSTITUZIONE. PERTANTO, UN MOVIMENTO COME FORZA NUOVA VA SEMPLICEMENTE ED IMMEDIATAMENTE SCIOLTO E TUTTI I SUOI MILITANTI VANNO CONDANNATI. 

Parole così non le sentiremo mai da chi si preoccupa solo di non perdere il consenso elettorale di questi fanatici fascisti. 

È giusto combattere ogni forma di violenza, siamo d’accordo. È altrettanto giusto chiamare le cose con il proprio nome ed applicare le leggi esistenti. 

È altrettanto giusto debellare l’ignoranza e non invece cavalcarla e fomentare odio per accaparrarsi voti.

Dipartimento Comunicazione Fisac/CGIL Brindisi

This entry was posted in Analisi, Blog, CGIL, Coronavirus, Crisi, Europa, Fisac/CGIL Brindisi, Fisac/CGIL Nazionale, Notizie Stampa, Politica. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *